italianoenglish
ANDARE A ROMA
AEROPORTI
PORTI
MOBILITA'
DA VEDERE ..

ROMA CITTÁ ETERNA

Origini e sviluppo

Roma Arcaica
Roma trae le sue origini dalla leggenda di Romolo e Remo, figli della Rea Silva discendente del troiano Enea, e del mitologico Dio Marte. I due gemelli, gettati nelle acque del Tevere dallo zio, l’Imperatare Amulio, s’incagliarono alle falde del Palatino, e, tratti in salvo da una lupa che li allattò, crebbero adottati dal pastore Faustolo. Il giovane Romolo, sulle cime del colle, prevalendo sul fratello che per sua mano vi perì lo stesso giorno, il 21 aprile del 753 a.C. fondò la sua città, costituita da una tribù d’individui prevalentemente di sesso maschile, popolatasi solo grazie al successivo “ratto delle sabine”. Egli fu il primo di sette re. In favore della leggenda, la storia colloca la nascita di Roma sul colle Palatino intorno all’VIII sec. a.C. e ne conferma la sua rapida fusione con il popolo dei Sabini, abitanti del vicino Quirinale. Seguendo l’espansione demografica, i cittadini dediti all’agricoltura e alla pastorizia costruirono le loro capanne di canne e argilla, tipiche dell’età del ferro, nell’intera area dei sette colli che, già nel 616 a.C. con l’avvento del primo re etrusco Tarquinio Prisco, costituirono un unico “organizzato” complesso urbano. L’acquisizione degli spazi pubblici del Foro e del Circo Massimo, la Cloaca Massima, le mura di cinta volute da Servio Tullio, sono importanti esempi dell’opera di civilizzazione esercitata dagli evoluti Etruschi, la cui stirpe si concluse con l’allontanamento dell’ultimo re Tarquinio il Superbo, e le cui eredità di carattere istituzionale, come il “Senato” e l’“Esercito”, furono alla base della repubblica.
Se volete saperne di più ...



roma

togotorome.com togotorome.com togotorome.com